La mostra

In occasione del centenario dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale, vorremmo offrire all’attenzione della cittadinanza e del pubblico, uno strumento di tipo divulgativo e nello stesso tempo di alta qualità sotto il profilo scientifico, che consenta una viva riscoperta di ciò che storicamente ricordiamo, unitamente ad uno stimolante approfondimento circa le implicazioni e le conseguenze che ha avuto sul mondo di ieri e su cosa può dire a noi oggi.

Mappa delle esposizioni

Mappa interattiva delle esposizioni

venerdì 8 luglio 2016

Rapporto Chilcot conferma impegno per evitare guerra in Iraq di GPII

Giovanni Paolo II era intervenuto per evitare la Guerra in Iraq, sia con interventi pubblici che per vie diplomatiche inviando il cardinale Roger Etchegaray a parlare con Saddam e il cardinale Pio Laghi a parlare con George Bush jr. tentando di evitare il conflitto. Tutto ciò è confermato dal rapport Chilcot pubblicato in Inghilterra in questi giorni.


Come abbiamo riportato nel libro dove affrontiamo l'impegno per la pace svolto dai vari pontefici, Giovanni Paolo II ricordava nell’Angelus del 16 marzo 2003: «Ho vissuto la seconda guerra mondiale e sono sopravvissuto alla seconda guerra, per questo ho il dovere di ricordare a tutti i piùgiovani, a tutti quelli che non hanno avuto questa esperienza, ho il dovere di dire, mai piùla guerra, avventura senza ritorno; mai piùla guerra, spirale di lutti e di violenze». Erano i giorni decisivi per gli esiti della crisi irachena e Giovanni Paolo II rivolgeva il suo appello ai responsabili politici di Baghdad e ai Paesi membri delle Nazioni Unite per lavorare con responsabilità alla pace e chiedendo di riflettere sulle possibili conseguenze della Guerra «Sui cittadini e per l’equilibrio dell’intera regione del Medio Oriente, nonché per gli estremismi che potrebbero derivarne». (Pag 129 La Grande Guerra. Politica Chiesa Nazioni)


https://cccsanbenedetto.files.wordpress.com/2015/08/grande-guerra_depliant-web.pdf

venerdì 1 luglio 2016

1 luglio 1916 Battaglia della Somme



Gli inglesi nel tentativo di spezzare l’assedio di Verdun ingaggiarono la battaglia della Somme.
Alle sette di mattina del 1 luglio 1916, dopo una preparazione durata mesi, l’artiglieria inglese aveva cominciato a bombardare le linee tedesche schierate lungo il fiume Somme, nella Francia settentrionale. 
Nel giro di un’ora, sulle postazioni nemiche erano stati lanciati duecentocinquantamila obici. Infine le truppe inglesi e francesi erano uscite dalle trincee lungo l’intero fronte, dando il via a una delle più lunghe battaglie della Prima Guerra Mondiale
Solo nel primo giorno morirono 20 mila soldati inglesi. La battaglia si trascinò per mesi nel fango, e provocò la morte di 500 mila soldati tedeschi, 400 mila soldati inglesi e 200 mila soldati francesi. (Il fronte occidentale, Pag 42 La Grande Guerra. Politica Chiesa nazioni. Ed LINDAU)

Lo stallo delle battaglie sul fronte occidentale, determinò un lungo logoramento delle truppe su entrambi i fronti, la guerra lampò si trasformò in una guerra di trincea che portò a sanguinosi scontri per la conquista di pochi metri. La morte si fece compagna degli uomini, i cadaveri rimanevano nella terra di nessuno, e morire diventava normale.
Moulin de Fargny (Somme). Recupero dell’acqua dopo l’attacco

mercoledì 29 giugno 2016

L'uso dei Gas nella Grande Guerra

L’arma piùletale e subdola utilizzata nel primo conflitto mondiale fu il gas

Tratto dal libro La Grande Guerra. Politica Chiesa Nazioni (pag 42)

Il 29 giugno 1916 Battaglia sul S.Michele vennero usati i gas asfisianti

Il 29 giugno del 1916 nella quinta battaglia sul S.Michele gli austriaci impegnarono per la prima volta sul fronte italiano i gas asfisianti: 6mila morti in uno solo giorno tra gli italiani. Tra atroci spasmi.
A causa del bombardamento e del contrattacco italiano gli austro-ungarici subirono circa 2.000 morti, non pochi dei quali intossicati dal loro stesso gas. Alla fine della giornata del 29 giugno 1916 la linea del fronte si ristabilì sulle stesse posizioni del giorno precedente.

In quelle trincee inondate dal gas c’era stato, solo due giorni prima, Giuseppe Ungaretti. E proprio il 29 giugno 1916, da Mariano, Ungaretti scrive un lacerante pensiero ai suoi compagni morti sul San Michele: «Pensavo: non ci sono più foglie sul monte, né cicale, né grilli; e c’è rimasta la mia morte, viva».

L’arma più letale e  subdola usata nella prima guerra mondiale fu il gas, contrariamente a quanto si pensi non furono I tedeschi, bensì i francesi ad impiegare per primi i gas. Proprio durante i primi mesi di Guerra, sul finire del 1914, la Francia esplose alcune cariche di gas lacrimogeno ai danni delle truppe tedesche lanciate verso Parigi. Si trattò tuttavia di un fatto decisamente casuale. Questa tragica eredità venne, al contrario, subito raccolta dalla Germania, che iniziò prontamente a studiare questo nuovo strumento di offesa. Il debutto dei gas letali, avvenne il 22 aprile del 1915, durante la seconda battaglia di Ypres, nelle Fiandre, dove vennero usate 6 mila bombole  di gas asfisianti. 

sabato 25 giugno 2016

Papa Francesco in Armenia per ricordare il GENOCIDIO degli Armeni nel 1915



Papa Francesco ha visito l'Armenia e ha ricordato il GENOCIDIO subito dagli Armeni sotto l'Impero Ottomano durante la Prima Guerra Mondiale.
Papa Francesco scrive prima di congedarsi sul Libro d’Onore  al Tzitzernakaberd Memorial di Yerevan, in Armenia : “Qui prego, col dolore nel cuore, perché mai più vi siano tragedie come questa, perché l’umanità non dimentichi e sappia vincere con il bene il male; Dio conceda all’amato popolo armeno e al mondo intero pace e consolazione. Dio custodisca la memoria del popolo armeno. La memoria non va annacquata né dimenticata; la memoria è fonte di pace e di futuro”.

«Quella tragedia, quel genocidio – ha aggiunto papa Francesco - inaugurò purtroppo il triste elenco delle immani catastrofi del secolo scorso, rese possibili da aberranti motivazioni razziali, ideologiche o religiose, che ottenebrarono la mente dei carnefici fino al punto di prefiggersi l’intento di annientare interi popoli».

Gli Armeni furono la prima nazione ad accettare ufficialmente la fede cristiana come religione di stato nel 301.

Nel 1915 si attuò un vero e proprio olocausto, perpetrato con scientifica programmazione nelle esecuzioni, per la cancellazione di un popolo come soggetto storico e politico. Su una popolazione di 2.100.000 Armeni, ne resteranno vivi meno di 600 mila.

Le autorità governative fecero arrestare 500 esponenti del Movimento Armeno, che furono poi strangolati con del filo di ferro. Contestualmente, i soldati armeni sono via via disarmati, allontanati dall'esercito ed eliminati con lavori forzati ed esecuzioni sommarie. I corpi vennero spesso bruciati o gettati in grotte, in modo da non lasciare tracce. Tra il 24 e il 25 aprile del 1915, si passò ai sacerdoti, intellettuali e dirigenti, arrestati e massacrati.
Scattò in tutto il territorio turco un decreto di deportazione. Alle popolazioni armene, di villaggio in villaggio, venne ingiunto di lasciare entro pochi giorni la casa e tutti i beni, per essere “trasferite” in altre zone. I piccoli centri abitati furono svuotati con la forza e poi distrutti, la popolazione, messa in cammino nelle “marce della morte”, fu sterminata in un viaggio forzato a piedi di centinaia di chilometri, senza cibo né acqua, verso campi di concentramento nel Caucaso o nel deserto della Siria. Assaliti durante l'estenuante marcia dalla stessa “scorta” militare e dai curdi, a cui era stata data assoluta licenza di depredare, assassinare, stuprare, morirono per fame, sete, malattia, sfinimento 1.200.000 deportati.


lunedì 30 maggio 2016

29 maggio 1916 : la battaglia di Verdun

A Verdun i francesi, sotto assedio, resistettero dal 21 febbraio 1915 fino ai primi mesi del 1916, nella battaglia morirono 300 mila soldati francesi e soldati tedeschi e 400 mila furono i feriti. Gli inglesi nel tentativo di spezzare l’assedio di Verdun ingaggiarono la battaglia della Somme. Solo nel primo giorno morirono 20 mila soldati inglesi.


Ossario di Douamont – al termine della Grande Guerra, il vescovo di Verdun si incaricò di raccogliere i fondi necessari per la realizzazione di questo imponente sacrario che ospita le spoglie di ben 130.000 caduti francesi e tedeschi.





venerdì 13 maggio 2016

15 maggio 1916 : La Strafexpedition

Cade in questi giorni l'anniversario della Strafexpedition : la spedizione punitiva dell'Austria contro l'Italia. L'esercito austriaco attaccò l'Italia dal Trentino .

Strafexpedition

Il 15 maggio 1916, le truppe austro ungariche partirono con l’offensiva della Strafexpedition, la “Spedizione punitiva”, voluta dal generale Conrad, che mirava a rompere l’assedio italiano sull’Isonzo e ricacciare gli italiani verso la pianura vicentina. Vennero impiegati oltre 400mila soldati austro-ungarici.  Dopo un primo ripiegamento, venivano perse la linea dei forti e Asiago, gli italiani riescono a contenere l’attacco sull’Altopiano dei Sette Comuni e sulla linea Coni Zugna- Pasubio, anche perché parte delle truppe austriache dovettero convergere sul fronte orientale. Gli italiani contrattaccavano poi tra l’Adige e il Brenta. I combattimenti si concludevano il 16 giugno, in un mese e mezzo si contavano oltre 10.000 morti tra i due eserciti.



 foto fortino austriaco Belvedere 


foto cannone Austriaco